Modem con lo smartphone, ecco come fare

Non tutti sanno che è possibile condividere la connessione di uno smartphone Android con altri dispositivi in maniera piuttosto semplice. E’ possibile creare un sistema via cavo o senza fili. Le cose indispensabili sono: un cellulare connesso a internet e un po’ di autonomia (dato che questa funzione consuma la batteria).

modem

Prima di spiegarvi come fare, precisiamo che alcuni operatori potrebbero applicare costi aggiuntivi per la condivisione della connessione. Solitamente Wind e Tre non applicano alcun addebito per il tethering mentre TIM e Vodafone sì, anche se i costi effettivi dipendono dalla tariffa e le opzioni attive.

Modem via cavo

Collegate con il cavetto USB lo smartphone al laptop, quindi cliccate sull’icona con l’ingranaggio per aprire le Impostazioni. Selezionate la voce Altro nel riquadro relativo a Wireless e reti, successivamente cliccate Tethering/hotspot portatile e abilitate la voce Tethering USB.

 

modem

E’ bene specificare che questa impostazione potrebbe avere una collocazione diversa a seconda del dispositivo che avete. Per Samsung, ad esempio, troverete Router Wi-Fi e tethering in alto nella schermata principale delle Impostazioni. In altri device la voce è contenuta all’interno della sezione Connettività Reti. In ogni caso, a prescindere dal modello del vostro smartphone, la voce da attivare è sempre Tethering USB.

Modem senza cavo

In mancanza di un cavo o se vorreste connettere più dispositivi al vostro smartphone, la soluzione si chiama Hotspot. Grazie a questa modalità il vostro smartphone si trasforma in un vero e proprio router. Così facendo potrete connettere laptop, tablet e quant’altro per navigare, sfruttando la connessione del cellulare.

Anche in questo caso, aprite le impostazioni cliccando sull’icona con l’ingranaggio, selezionate Altro dall’elenco Wireless e reti e cliccare sulla levetta accanto a Hotspot Wi-Fi portatile (o solo Hotspot Wi-Fi). Ricordate che il percorso e la voce del menu potrebbe variare a seconda del vostro smartphone.

Una volta creata la connessione potrete anche personalizzare le impostazioni della rete generata. Per farlo cliccate su Configura hotspot Wi-Fi modificando le seguenti configurazioni:

  • Nome rete: è il nome che viene visualizzato nell’elenco delle reti wireless
  • Sicurzza: per impostare o meno una password; è possibile scegliere tra Nessuna, che lascia la rete aperta e permette a tutti di collegarsi, e WPA2 PSK, che permette di impostare una password
  • Password: dove digitare il testo da inserire come password
  • Mostra password: per rendere o meno visibile la password mentre la scrivete

modem

Altre info

A seconda del dispositivo utilizzato, potrebbero esserci altri parametri settabili come ad esempio la banda AP( 2,4 GHz o 5 GHz). Oppure troverete la voce Timeout, ossia dopo quanti minuti di inattività lo smartphone deve sospendere la connessione.

Una volta abilitato l’hotspot Wi-Fi, dal PC o dal tablet vedrete la rete che avete creato dallo smartphone come una qualsiasi rete wireless, alla quale potrete connettervi digitando la password che avete impostato. Se questa guida su come trasformare uno smartphone in modem vi è piaciuta condividete e lasciate un like.

 

Seguitemi su Instagram su Telegram su Facebook e su Youtube

Autore dell'articolo: Salvatore Lamesta

Lascia una recensione

Please Login to comment
  Subscribe  
Notificami