redmi note 7

Redmi Note 7 mi ha impressionato più del Mi 9

In maniera molto simile a quanto visto col Redmi Note 5, dopo un anno, ci ritroviamo a parlare di BEST-BUY. Il protagonista questa volta è il Redmi Note 7, entrato prepotentemente nella fascia media del mercato degli smartphone. Complice un prezzo assolutamente fantastico ed una scheda tecnica pazzesca, il device targato Redmi ha sbancato, piazzandosi al vertice delle vendite online e non solo. Io stesso non sono riuscito a visionarlo in nessuno store di nessuna catena ( MediaWorld, UniEuro ecc. ) a causa dell’esaurimento precoce delle scorte.

Scheda Tecnica Redmi Note 7

  • 159.2×75.2×8.1mm
  • 186g
  • Display da 6.3″, risoluzione 2340×1080 pixel, 409PPI, Gorilla Glass 5
  • Processore OctaCore da 2.2ghz, Snapdragon 660
  • GPU Adreno 512
  • 4GB di Ram e 64GB di Rom
  • Doppia Fotocamera Posteriore 48+5megapixel
  • Batteria da 4000mAh, Quick Charge 4.0
  • Bluetooth 5.0, USB-C, WiFi dual-band, LTE
  • Sensori: infrarossi, giroscopio, accelerometro, prossimità, bussola elettronica, luce ambientale

Il Successo di Redmi Note 7

Perché questo smartphone ha fatto il botto? Prezzo, sì amici il costo di questo device pari a 200Euro, nella versione da me testata 4/64, è qualcosa di unico. Rileggetevi la scheda tecnica e riflettete. Redmi è riuscita ad offrirvi a 200Euro un telefono di fascia media, competitivo, dalla grande autonomia e con un comparto fotografico degno di nota. Ma procediamo per tappe.

redmi note 7

Costruzione e Display

Redmi Note 7 ha un design semplice ed efficace. Il profilo è in metallo lucido e sul retro troviamo un vetro piatto, interrotto dalla doppia fotocamera nell’angolo in alto. Modulo fotografico che sporge di qualche millimetro e che vi darà problemi sulle superfici, se non affiancherete una cover. Il peso di 186g non mi ha creato problemi o senso di pesantezza, l’ottimizzazione è buona. Il display è un ampio IPS da 6,3″ di diagonale con risoluzione Full-HD+. È un pannello ampio e luminoso con un notch a goccia che contiene la fotocamera frontale da 13megapixel. Più che sufficiente la luminosità sotto la luce diretta del sole. La gestione automatica dell’intensità luminosa, risulta imperfetta e tendente al ribasso. Le cornici non sono ridotte ma in questa fascia si può chiudere un occhio.

Fotocamera

E’ uno dei punti in cui Redmi ha fatto il miracolo. Note 7 ha un sensore posteriore da 48megapixel, f/1.8, associato ad un secondo da 5megapixel f/2.4. Certo sarebbe stato bello avere avere una grandangolare al posto dell’inutile sensore per la profondità, ma la qualità degli scatti fa passare in secondo piano questa mancanza. Le immagini risultano molto definite, con colori ben bilanciati e non stravolti dall’AI. Molto bene anche il bokeh nella modalità ritratto. È importante ribadire che gli scatti sono realizzati interpolando 4 pixel in 1 e che le foto finali sono tutte da 12megapixel. Per chi non vuole rinunciare ai 48MP, l’unico modo è scattare in modalità PRO. Meno impressionante è la resa dei video che possono essere girati massimo in Full-HD a 60fps. Risultano solo sufficienti per via di una stabilizzazione praticamente assente. La chicca, come per il Mi 9, è la possibilità di installare la Gcam che fa ulteriori miracoli. Trovate tutte le info e il file della Gcam nel mio articolo dedicato QUI.

Autonomia e Software

Complice il processore poco energivoro e già apprezzato su Mi Note 3 e Mi 8 Lite, si fanno due giornate con uso medio e sempre almeno un giorno con uso stress. Mediamente le ore di schermo attivo in uso misto vanno dalle 7 alle quasi 9h. Al momento di questa recensione la MIUI è alla versione 10.3.2.0 con le Patch aggiornate ad Aprile 2019. Sistema fluido senza intoppi ed incertezze. Assolutamente promosso, in arrivo anche il tema scuro già presente sul mio Mi 9. Sia il Redmi Note 7 che il mio Mi 9 si stanno aggiornando con cadenza fissa circa ogni due settimane, un dettaglio importante per lo sviluppo software.

redmi note 7

Provo a trarre le Conclusioni

Come avrete intuito dal titolo e dal contenuto del mio articolo, questo smartphone mi ha davvero sorpreso. Avendo anche un Mi 9 ho potuto cogliere anche le varie differenze. Se da un lato Mi 9 rappresenta uno device di fascia alta con quasi tutti i parametri al top, il Note 7 è un mediogamma che fa la voce grossa. E’ un telefono affidabile e con uno sviluppo software al momento superiore al Mi 9 stesso. Nel quotidiano la differenza tra i due telefoni non è abissale, tanto che mi sono chiesto se fosse giustificata una differenza di prezzo di 250Euro tra i due modelli. Mi piacerebbe che foste voi a rispondere a questa domanda. Spero che questa chiacchierata vi sia sta utile, fatemi sapere cosa ne pensate.

redmi note 7

REDMI NOTE 7 4/64 NERO

REDMI NOTE 7 4/64 BLU

MI 9 6/64 NERO

MI 9 6/128 NERO

Info

Trovate tutte le mie Recensioni nella sezione dedicata del mio Blog QUI.

  • Ottenere 10Euro gratis con Hype QUI
  • Acquistare da Amazon usando il mio referral cliccando QUI
  • Attivare gratuitamente Amazon Prime cliccando QUI
  • Attivare Prime Video cliccando QUI
  • Ottenere in sconto Amazon Music QUI
  • ATTIVARE SATISPAY col codice SALVATORELAME

Potete contattarmi su Instagram e Telegram per ulteriori dettagli.


Autore dell'articolo: Salvatore Lamesta

Lascia una recensione

Please Login to comment
  Subscribe  
Notificami